ACC Meeting
Associazione Silvia Procopio
American Heart Association

Cellule derivate da cardiosfere per via intracoronarica dopo infarto miocardico


Sono stati riportati i risultati completi a 1 anno con analisi dettagliata della risonanza magnetica e determinanti di efficacia dello studio prospettico, randomizzato, controllato CADUCEUS ( CArdiosphere-Derived aUtologous stem CElls to reverse ventricUlar dySfunction ).

Le cellule derivate da cardiosfere CDC ) hanno esercitato effetti rigenerativi a 6 mesi nello studio CADUCEUS.

Le cellule autologhe derivate da cardiosfere ( da 12.5 a 25 x 106 ) derivate da campioni bioptici endomiocardici sono state infuse per via intracoronarica in 17 pazienti con disfunzione ventricolare sinistra 1.5-3 mesi dopo infarto miocardico ( più 1 infusione off-protocol 14 mesi dopo l’infarto miocardico ).

Un totale di 8 pazienti sono stati seguiti come pazienti di controllo con cura di routine.

In 13.4 mesi di follow-up, gli endpoint di sicurezza sono stati equivalenti tra i gruppi.

A 1 anno, la risonanza magnetica ha rivelato che i pazienti trattati con cellule derivate da cardiosfere avevano dimensioni della cicatrice inferiori rispetto ai pazienti di controllo.

La massa cicatriziale è diminuita e la massa vitale è aumentata nei pazienti trattati con cellule derivate da cardiosfere, ma non nei pazienti di controllo.

Il singolo paziente infuso 14 mesi dopo infarto del miocardio ha risposto allo stesso modo.

La terapia con cellule derivate da cardiosfere ha portato al miglioramento della funzione regionale di segmenti infartuati rispetto ai pazienti di controllo.

La contrazione della cicatrice è risultata correlata a un aumento della vitalità miocardica e a un miglioramento della funzione regionale.

La riduzione delle cicatrici era correlata alla dimensione della cicatrice al basale, ma non a una storia di infarto miocardico temporalmente remoto o al tempo dall’infarto miocardico alla infusione.

I cambiamenti nella frazione di eiezione del ventricolo sinistro nei soggetti trattati con cellule derivate da cardiosfere erano coerenti con il rapporto naturale tra le dimensioni della cicatrice e la frazione di eiezione post-infarto.

In conclusione, la somministrazione intracoronarica di cellule autologhe cardiosfere-derivate non ha sollevato problemi di sicurezza in modo significativo.
Le indicazioni preliminari di bioattività includono una ridotta dimensione della cicatrice, un aumento del miocardio vitale e un miglioramento della funzione regionale del miocardio infartuato a 1 anno dal trattamento. Questi risultati, che sono coerenti con la rigenerazione terapeutica, meritano ulteriori indagini in studi futuri. ( Xagena2014 )

Malliaras K et al, J Am Coll Cardiol 2014; 63: 110-122

Cardio2014



Indietro