CardioPreventariab.it
American Heart Association
ACC Meeting

La combinazione di Sacubitril e Valsartan protegge dalla rottura cardiaca e migliora la sopravvivenza dopo infarto miocardico acuto in un modello murino


Uno studio ha esaminato gli effetti di LCZ696 ( combinazione di Sacubitril e Valsartan; Entresto ) sull'infarto miocardico sperimentale in un modello murino; inoltre sono stati valutati gli effetti cardioprotettivi, oltre al blocco del sistema renina-angiotensina-aldosterone ( RAAS ), del farmaco.

I topi con una percentuale di accorciamento frazionale ( %FS ) inferiore al 30% a 24 ore dopo l'infarto miocardico sono stati randomizzati per os a LCZ696 ( 20 mg/kg/die; n = 75 ), Enalapril ( 4 mg/kg/die; n = 79 ) oppure veicolo ( n = 77 ).

Al primo giorno postoperatorio, non sono state osservate differenze nelle dimensioni dell'infarto tra i gruppi.

Il tasso di sopravvivenza post-infarto è risultato significativamente più alto con LCZ696 verso Enalapril ( p inferiore a 0.01 ) e veicolo ( p inferiore a 0.01 ).

Nella maggior parte dei topi ( 94.8% ), la causa del decesso è stata la rottura del ventricolo. Con LCZ696, la rottura del ventricolo sinistro è risultata inferiore rispetto ad Enalapril ( p minore di 0.05 ) e al veicolo ( p minore di 0.01 ).

Nessuna differenza nell'accorciamento frazionale, dimensione telediastolica del ventricolo sinistro o dimensione telesistolica ventricolare sinistra è stata osservata in qualsiasi gruppo prima e un giorno dopo l'infarto miocardico.
La percentuale di accorciamento frazionale è migliorata in modo significativo con LCZ696 rispetto al veicolo a 14 giorni e 28 giorni dopo l'infarto miocardico, ma non ha prodotto significativi miglioramenti rispetto a Enalapril.

LCZ696 ha impedito la rottura cardiaca e ha migliorato la sopravvivenza dopo l'infarto miocardico, probabilmente per la soppressione delle citochine proinfiammatorie e della degradazione della matrice extracellulare nei macrofagi.

Tre giorni dopo l'infarto miocardico, l'espressione di mRNA ( RNA messaggero ) nella regione infartuata era significativamente più bassa con LCZ696 rispetto a Enalapril per le interleuchine, IL-1beta e IL-6, e per la metalloproteinasi della matrice, MMP-9, e al veicolo per IL-1b, MMP-9 e inibitore tissutake della metalloproteinasi di tipo 1 ( TIMP-1 ).

Nella regione non-infartuata l'espressione di mRNA era significativamente più bassa con LCZ696 rispetto al veicolo per il peptide natriuretico atriale ( ANP ) e per il peptide natriuretico cerebrale ( BNP ).

Le tecniche di immunofluorescenza hanno indicato che i macrofagi potrebbero essere una fonte principale di MMP-9 nel miocardio infartuato.

Con LCZ696, a tre giorni dall'infarto miocardico, i livelli plasmatici di aldosterone sono risultati significativamente più bassi a quelli del veicolo, e il livello plasmatico di GMP ciclico ( cGMP ) era più alto rispetto al veicolo e a Enalapril.
Il rapporto aldosterone / cGMP è risultato significativamente più basso con LCZ696 rispetto al veicolo e a Enalapril.

Secondo i ricercatori, LCZ696 ha migliorato l'equilibrio tra RAAS e il peptide natriuretico, ha impedito la rottura cardiaca e ha migliorato la sopravvivenza dopo infarto miocardico, probabilmente a causa della soppressione delle citochine proinfiammatorie e della degradazione della matrice extracellulare nei macrofagi. ( Xagena2017 )

Ishii M et al. JACC Basic Transl Sci 2017; Epub ahead of print

Cardio2017 Farma2017


Indietro