American Heart Association
ACC Meeting
Associazione Silvia Procopio

Proprietà di crescita delle cellule staminali cardiache come nuovo biomarcatore di esito dopo intervento di bypass coronarico


L'efficacia di un intervento chirurgico di bypass nei pazienti con cardiomiopatia ischemica non è facilmente prevedibile; le condizioni cliniche preoperatorie possono essere simili, ma il risultato può differire in modo significativo.
Si è ipotizzato che la riserva di crescita delle cellule staminali cardiache ( CSC ) e le citochine circolanti che promuovono l'attivazione delle cellule staminali cardiache siano determinanti critici del rimodellamento ventricolare in questa popolazione di pazienti.

Per documentare la cinetica di crescita delle cellule staminali cardiache, il tempo di raddoppiamento della popolazione, la lunghezza dei telomeri, l'attività della telomerasi e l’espressione del recettore del fattore di crescita insulino-simile 1 sono stati misurati in cellule staminali cardiache isolate da 38 pazienti sottoposti a chirurgia di bypass.
Inoltre, sono stati valutati i livelli ematici del fattore di crescita insulino-simile 1 ( IGF ), del fattore di crescita degli epatociti ( HGF ) e del fattore di crescita dell’endotelio vascolare ( VEGF ).

Le variabili di crescita delle cellule staminali cardiache sono state espresse in funzione delle variazioni di spessore della parete, del diametro e del volume della camera, del rapporto tra massa ventricolare e volume della camera e della frazione di eiezione, prima e 12 mesi dopo la chirurgia.

Un'alta correlazione è stata trovata tra indici di funzione delle cellule staminali cardiache e l’anatomia cardiaca.

Non è stato osservato un rimodellamento ventricolare negativo quando le cellule staminali cardiache hanno mantenuto una significativa riserva di crescita.

L'alta concentrazione di IGF-1 ha indicato che il sistema recettoriale del fattore di crescita insulino-simile 1 è un elemento importante nella risposta adattativa del miocardio.

Anche il fattore di crescita degli epatociti, un mediatore della migrazione delle cellule staminali cardiache, è risultato elevato in questi pazienti in fase preoperatoria, così come il fattore di crescita dell’endotelio vascolare, forse riflettendo la crescita vascolare necessaria prima di un intervento chirurgico di bypass.

Al contrario, un calo della crescita delle cellule staminali cardiache è stato abbinato ad assottigliamento della parete, dilatazione della camera e ridotta frazione di eiezione.

In conclusione, l’asse telomero-telomerasi, il tempo di raddoppio della popolazione e l’espressione del recettore per il fattore di crescita insulino-simile 1 nelle cellule staminali cardiache, insieme a un alto livello circolante del fattore di crescita insulino-simile 1, rappresentano un nuovo biomarcatore in grado di prevedere l'evoluzione della cardiomiopatia ischemica successiva alla rivascolarizzazione. ( Xagena2014 )

D’Amario D et al, Circulation 2014; 129: 157-172

Cardio2014



Indietro