Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Associazione di bassa concentrazione plasmatica di transtiretina con rischio di insufficienza cardiaca nella popolazione generale


Diverse linee di evidenza supportano una bassa concentrazione plasmatica di transtiretina ( TTR ) come biomarcatore in vivo dell'instabilità del tetramero della transtiretina, un prerequisito per lo sviluppo sia dell'amiloidosi cardiaca da transtiretina wild-type ( ATTRwt ) sia dell'amiloidosi cardiaca da transtiretina ereditaria ( ATTRm ).

Sia l'amiloidosi cardiaca ATTRm che ATTRwt possono manifestarsi come insufficienza cardiaca.
Tuttavia, non è noto se la bassa concentrazione plasmatica di transtiretina conferisca un aumento del rischio di insufficienza cardiaca incidente nella popolazione generale.

Si è valutato se una bassa concentrazione plasmatica di transtiretina sia associata a insufficienza cardiaca incidente nella popolazione generale.
È stato condotto uno studio che ha incluso i dati da 2 studi di coorte prospettici simili sulla popolazione generale danese, il Copenhagen General Population Study ( CGPS; n=9.582 ) e il Copenhagen City Heart Study ( CCHS; n=7.385 ).

Utilizzando questi dati, in primo luogo si è determinato se una bassa concentrazione di transtiretina plasmatica fosse associata a un aumentato rischio di insufficienza cardiaca incidente.
In secondo luogo, si è determinato se varianti genetiche nella transtiretina associate all'aumento dell'instabilità del tetramero fossero associate a una minore concentrazione di transtiretina e a un rischio più elevato di insufficienza cardiaca.

I dati sono stati raccolti tra il 2003 e il 2017 nello studio CGPS ​​e tra il 1991 e il 1994 nello studio CCHS; i partecipanti a entrambi gli studi sono stati osservati per gli endpoint del tempo di sopravvivenza fino al 2017.

Sono state esaminate la concentrazioni di transtiretina pari o inferiore al 5° percentile, tra il 5° e il 95° percentile ( riferimento ) e superiore al 95° percentile, e le varianti genetiche nella transtiretina.

L’esito principale era rappresentato da insufficienza cardiaca incidente identificata utilizzando il Registro nazionale dei pazienti danese.

Su 9.582 individui nello studio CGPS, 5.077 ( 53.0% ) erano donne e l'età mediana era di 56 anni.
Su 7.385 individui nello studio CCHS, 4.452 ( 60.3% ) erano donne e l'età mediana era di 59 anni.

Durante un follow-up mediano di 12.6 anni e 21.7 anni, 441 individui ( 4.6% ) nello studio CGPS ​​e 1.122 individui ( 15.2% ) nello studio CCHS, rispettivamente, hanno sviluppato insufficienza cardiaca.

Le concentrazioni plasmatiche di transtiretina al basale pari o inferiori al 5° percentile sono state associate a insufficienza cardiaca incidente ( CGPS: hazard ratio, HR=1.6; CCHS: HR=1.4 ).

Il rischio di insufficienza cardiaca è stato più alto negli uomini con bassi livelli di transtiretina.
Rispetto a p.T139M, una variante stabilizzante la transtiretina, il genotipo TTR è stato associato a concentrazioni gradualmente inferiori di transtiretina per TTR wild-type ( −16.5% ), p.G26S ( −18.1% ) ed eterozigoti per altre varianti ( p.V142I, p.H110N e p.D119N; −30.8% ) ( P per trend minore di 0.001 ).

Gli hazard ratio corrispondenti per l’insufficienza cardiaca incidente sono stati 1.14, 1.29 e 2.04, rispettivamente ( P per trend=0.04 ).

In questo studio, più basse concentrazioni plasmatiche e geneticamente determinate di transtiretina sono state associate a un rischio più elevato di insufficienza cardiaca incidente, suggerendo una potenziale associazione meccanicistica tra la bassa concentrazione di transtiretina come marker di instabilità del tetramero e l’insufficienza cardiaca incidente nella popolazione generale. ( Xagena2021 )

Greve AM et al, JAMA Cardiol 2021; 6: 258-266

Cardio2021 MalRar2021 Med2021


Indietro