Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Effetti del genotipo CYP2C19 sugli esiti del trattamento con Clopidogrel


Clopidogrel ( Plavix ) potrebbe risultare meno efficace nel ridurre il tasso di eventi cardiovascolari nei portatori degli alleli CYP2C19 con perdita-di funzione, che sono associati a una ridotta conversione di Clopidogrel nel suo metabolita attivo.

Sono state condotte analisi genotipiche su pazienti provenienti da due ampi studi randomizzati che hanno mostrato che, rispetto a placebo, Clopidogrel aveva ridotto il tasso di eventi cardiovascolari ( esito primario di efficacia ) in pazienti con sindromi coronariche acute e in pazienti con fibrillazione atriale.

L’analisi genotipica ha riguardato 3 polimorfismi a singolo nucleotide ( *2, *3 e *17 ) che definiscono gli alleli maggiori CYP2C19.

Tra i 5.059 pazienti con sindromi coronariche acute sottoposti ad analisi genotipica, Clopidogrel ha ridotto in maniera significativa il tasso dell’esito primario di efficacia, rispetto al placebo, indipendentemente dal fenotipo di metabolizzazione determinato per via genetica ( P=0.12 per l’eterogeneità ).

L’effetto di Clopidogrel sulla riduzione del tasso di esito primario di efficacia è risultato simile in pazienti omozigoti o eterozigoti per gli alleli con perdita-di-funzione e in quelli non-portatori di tali alleli ( tasso tra i portatori: 8.0% con Clopidogrel vs 11.6% con placebo, hazard ratio con Clopidogrel, HR=0.69; tasso tra i non-portatori: 9.5% vs 13.0%, HR=0.72 ).

Di contro, i portatori di alleli con acquisto-di-funzione hanno ottenuto benefici maggiori dal trattamento con Clopidogrel che con placebo, rispetto ai non-portatori ( tasso di esito primario tra i portatori: 7.7% vs 13.0%, HR=0.55; tasso tra i non-portatori: 10.0% vs 12.2%, HR=0.85; P=0.02 per l’interazione ).

L’effetto di Clopidogrel sul sanguinamento non ha mostrato variazioni in base ai sottogruppi genotipici.

Tra i 1.156 pazienti con fibrillazione atriale sottoposti ad analisi del genotipo, non sono emerse prove di interazione per quanto riguarda efficacia o sanguinamento tra i trattamenti presi in considerazione nello studio e fenotipo di metabolizzazione, stato di portatore di perdita-di-funzione o di acquisto-di-funzione.

In conclusione, nei pazienti con sindromi coronariche acute o fibrillazione atriale, l’effetto di Clopidogrel, rispetto a placebo, non appare modificato dalla presenza di alleli CYP2C19 con perdita-di-funzione. ( Xagena2010 )

Paré G et al, N Engl J Med 2010; 363: 1704-1714


Farma2010 Cardio2010


Indietro