Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Effetto della somministrazione transendocardica di cellule mononucleate del midollo osseo autologo su capacità funzionale, funzione ventricolare sinistra e perfusione nello scompenso cardiaco cronico


Precedenti studi che hanno utilizzato cellule mononucleate del midollo osseo autologo in pazienti con cardiomiopatia ischemica hanno dimostrato la sicurezza della procedura e ne hanno suggerito l’efficacia.

È stato condotto uno studio per determinare se la somministrazione di cellule mononucleate del midollo osseo mediante iniezioni transendocardiche fosse in grado di migliorare la perfusione miocardica, di ridurre il volume ventricolare sinistro telesistolico o di aumentare il massimo consumo di ossigeno in pazienti con coronaropatia o disfunzione ventricolare sinistra e scompenso cardiaco o angina limitanti.

Lo studio di fase 2 randomizzato, in doppio cieco e placebo controllato è stato condotto su pazienti sintomatici ( classificazione II-III della New York Heart Association [ NYHA ] o II-IV della Canadian Cardiovascular Society [ CCS ] ) con una frazione di eiezione ventricolare sinistra uguale o inferiore a 45%, un difetto di perfusione all’esame SPECT ( tomografia a emissione di singolo fotone ) e malattia coronarica non-adatta a rivascolarizzazione che erano in trattamento con la massima terapia medica possibile in 5 Centri del gruppo Cardiovascular Cell Therapy Research Network ( CCTRN ) sponsorizzati dal National Heart, Lung, and Blood Institute ( NHLBI ) nel periodo 2009-2011.

I pazienti sono stati sottoposti ad aspirazione del midollo osseo ( isolamento delle cellule mononucleate del midollo osseo con un sistema automatizzato standard effettuato localmente ) e iniezione transendocardica di 100 milioni di cellule o placebo ( rapporto di 2 per il gruppo cellule mononucleate del midollo osseo a 1 per il gruppo placebo ).

Gli endpoint co-primari valutati a 6 mesi erano: cambiamenti nel volume ventricolare sinistro di fine sistole valutato con ecocardiografia, massimo consumo di ossigeno e reversibilità all’esame SPECT.

Analisi fenotipiche e funzionali del prodotto cellulare sono state effettuate in un laboratorio centrale del Cardiovascular Cell Therapy Research Network.

Dei 153 pazienti che hanno fornito il consenso, 92 ( 82 uomini; età media: 63 anni ) sono stati randomizzati ( n=61 nel gruppo cellule mononucleate del midollo osseo e n=31 nel gruppo placebo ).

I cambiamenti nell’indice di volume ventricolare sinistro telesistolico ( -0.9 mL/m2; P=0.73 ), massimo consumo di ossigeno ( 1.0; P=0.17 ) e difetto reversibile ( -1.2; P=0.84 ) non sono risultati statisticamente significativi.

Non sono state osservate differenze in alcuno degli esiti secondari, inclusa la percentuale di difetti miocardici, la dimensione totale del difetto, la dimensione del difetto riparato, il movimento regionale delle pareti e il miglioramento clinico.

In conclusione, tra i pazienti con scompenso cardiaco ischemico, l’iniezione transendocardica di cellule mononucleate del midollo osseo autologo, rispetto al placebo, non ha migliorato il volume ventricolare sinistro telesistolico, il massimo consumo di ossigeno o la reversibilità all’esame SPECT. ( Xagena2012 )

Perin EC et al, JAMA 2012; 307: 1717-1726


Cardio2012



Indietro