Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Infarto miocardico: il trasferimento di cellule autologhe di midollo osseo migliora la FEVS


Ricercatori dell'Hannover University in Germania hanno dimostrato che il trasferimento intracoronarico di cellule autologhe di midollo osseo produce un miglioramento della funzione sistolica ventricolare sinistra nei pazienti dopo infarto miocardico ( IMA ).

Dopo infarto miocardico acuto, la rapida riperfusione della coronaria occlusa riveste enorme importanza per limitare le dimensioni infartuali e per salvare il tessuto miocardico.

L'angioplastica con impianto di stent è la metodica di scelta per ristabilire il flusso coronarico.

La necrosi miocardica si sviluppa rapidamente dopo occlusione coronarica, generalmente prima che sia effettuata la riperfusione.

La perdita di miocardio vitale avvia un processo di rimodellamento del ventricolo sinistro, con conseguente dilatazione della camera ventricolare e a disfunzione contrattile.

Studi sperimentali hanno mostrato che il trasferimento cardiaco di cellule di midollo osseo, o cellule staminali e cellule progenitrici derivate dal midollo osseo possono favorire il recupero funzionale nei pazienti colpiti da infarto miocardico acuto.

Studi clinici hanno dimostrato che l'infusione di cellule autologhe di midollo osseo nell'arteria coronarica associata all'infarto è fattibile, tuttavia a causa della non-randomizzazione di questi studi clinici non era stato finora possibile trarre conclusioni definitive.

La novità dello studio dei Ricercatori di Hannover è stata quella di aver valutato l'effetto del trasferimento intracoronarico di cellule autologhe di midollo osseo sul recupero della funzione ventricolare sinistra nei pazienti dopo infarto miocardico acuto, sottoposti ad un intervento coronarico percutaneo ( PCI ), utilizzando uno schema di randomizzazione.

Lo studio è stato compiuto su 60 pazienti, di cui 30 assegnati al trasferimento cellulare e 30 al gruppo controllo.

Il trasferimento cellulare è stato eseguito in media dopo 4,8 giorni dall'intervento di angioplastica.

Al basale la frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) era in media del 51% nei pazienti arruolati.

Dopo 6 mesi la FEVS è aumentata solo dello 0,7% nel gruppo controllo, mentre il miglioramento della frazione d'eiezione del ventricolo sinistro è stato del 6,7% nel gruppo sottoposto a trasferimento cellulare.

Lo studio ha indicato che il trasferimento intracoronarico di cellule del midollo osseo è sicuro.
Non è stato osservato un aumento nell'incidenza di ristenosi in-stent o di effetti proaritmici.

Più ampi studi clinici sono necessari per valutare gli end point clinici del trasferimento di cellule di midollo osseo sull'incidenza di insufficienza cardiaca e sulla sopravvivenza.( Xagena2004 )

Fonte: The Lancet, 2004

Cardio2004


Indietro