Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
XagenaNewsletter

Infusione intracoronarica autologa di cellule mononucleate del midollo osseo per l’infarto acuto del miocardio


La somministrazione intracoronarica autologa di cellule di midollo osseo porta a miglioramenti modesti nella funzione cardiaca, ma l'effetto sulla vitalità miocardica non è noto.

È stato condotto uno studio randomizzato e multicentrico per valutare l'effetto della terapia con cellule del midollo osseo sulla vitalità miocardica in pazienti con frazione di eiezione ventricolare sinistra diminuita dopo infarto acuto del miocardio e per identificare fattori predittivi per il miglioramento della vitalità miocardica.

In totale, 101 pazienti con infarto acuto del miocardio e riperfusione andata a buon fine, frazione di eiezione ventricolare sinistra inferiore o uguale a 45% e vitalità miocardica diminuita ( Tl201-SPECT a riposo ) sono stati randomizzati al gruppo controllo ( n=49 ) o al gruppo cellule da midollo osseo ( n=52 ).

L'endpoint primario era il miglioramento della vitalità miocardica 3 mesi dopo l'infarto acuto del miocardio.

La frazione di eiezione ventricolare sinistra media al basale misurata con angiografia con radionuclide è stata pari al 36.3%.

L'infusione di cellule da midollo osseo è stata effettuata 9.3 giorni dopo infarto acuto del miocardio.

La vitalità miocardica è aumentata nel 34% dei pazienti nel gruppo cellule da midollo osseo rispetto al16% nel gruppo controllo ( P=0.06 ).

Il numero di segmenti non-vitali diventati vitali è stato di 0.8 nel gruppo controllo e 1.2 nel gruppo cellule da midollo osseo ( P=0.13 ).

L'analisi multivariata che ha incluso fattori prognostici maggiori dopo infarto miocardico acuto ha mostrato un miglioramento significativo nella vitalità miocardica nel gruppo cellule da midollo osseo versus gruppo controllo ( P=0.03 ).

Inoltre, è stato osservato un significativo ruolo avverso per fumo attivo ( P=0.04 ) e una tendenza positiva per l'ostruzione microvascolare ( P=0.07 ).

In conclusione, la somministrazione intracoronarica autologa di cellule di midollo osseo a pazienti con frazione di eiezione ventricolare sinistra diminuita dopo infarto acuto del miocardio è risultata associata a un miglioramento dela vitalità miocardica nell'analisi multivariata ma non nell'analisi univariata.
E' necessario un ampio studio internazionale multicentrico per documentare ulteriormente l'efficacia della terapia cellulare cardiaca e per meglio definire un gruppo di pazienti che potrebbero trarre beneficio da tale terapia. ( Xagena2011 )

Roncalli J et al, Eur Heart J 2011; 32: 1748-1757


Cardio2011



Indietro