Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

La denervazione renale con catetere esacerba la caduta della pressione sanguigna durante l'emorragia


Gli studi clinici che applicano la denervazione renale con radiofrequenza basata su catetere ( RDN ) hanno dimostrato un profilo di sicurezza favorevole con minimi eventi avversi acuti o procedurali.
Non è stato approfondito se l'ablazione dei nervi renali influisca negativamente sulle risposte compensatorie emodinamiche.

Uno studio ha esaminato l'effetto di denervazione renale sulla pressione arteriosa media, sulla funzione renale e sulla risposta riflessa all'emorragia in pecore con normotensione ( controllo ) o con malattia renale cronica ipertensiva.

Le pecore hanno subito denervazione renale ( controllo-RDN, n=8; nefropatia-RDN, n=7 ) o procedure simulate ( controllo intatto, n=6; nefropatia-intatta, n=7 ).

La risposta all'emorragia ( perdita del volume del sangue del 20% ), inclusa l'attività della renina plasmatica, è stata valutata a 2 e 5 mesi dall'intervento.

La denervazione renale ha causato una inversione completa dell'ipertensione e una migliore funzionalità renale negli ovini nel gruppo nefropatia-RDN ( P minore di 0.0001 per 2 e 5 mesi rispetto a pre-RDN ).

In risposta all'emorragia, la pressione arteriosa media è scesa in tutti i gruppi, con una caduta maggiore nel gruppo denervazione renale rispetto al gruppo intatto ( caduta a 2 mesi nella pressione arteriosa media: controllo-intatto, -10 mm Hg; controllo-RDN, -15 mm Hg; P minore di 0.05; nefropatia-intatto, -11 mm Hg; nefropatia-RDN, -19 mm Hg; P minore di 0.001 ).

L'emorragia ha aumentato la frequenza cardiaca e l'attività della renina plasmatica negli ovini intatti, ma queste risposte sono risultate significativamente attenuate negli animali controllo-RDN e nefropatia-RDN.

Le risposte all'emorragia sono state notevolmente simili a 2 e 5 mesi post-denervazione renale, il che suggerisce che la funzione nervosa non fosse ritornata entro questo lasso di tempo.

In conclusione, nelle pecore ipertese con malattia renale cronica, la denervazione renale ha ridotto la pressione arteriosa e ha migliorato la funzionalità renale basale, ma ha modificato le risposte emodinamiche compensatorie all'emorragia.
Pertanto, la capacità di rispondere a una sfida fisiologica all'omeostasi dei fluidi corporei può essere compromessa in seguito a denervazione renale. ( Xagena2017 )

Singh RR et al, J Am Coll Cardiol 2017; 69: 951-964

Cardio2017



Indietro