52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

L'insufficienza cardiaca stimola la crescita tumorale mediante fattori circolanti


La sopravvivenza all’insufficienza cardiaca è migliorata e, al giorno d'oggi, molti pazienti con insufficienza cardiaca muoiono per cause non-cardiache, incluso il cancro.

Si è determinato se esiste una relazione causale tra insufficienza cardiaca e sviluppo di cancro.

L'insufficienza cardiaca è stata indotta infliggendo un ampio infarto miocardico anteriore in topi APC Min, che sono inclini a sviluppare tumori intestinali precancerosi, ed è stata misurata la crescita del tumore.
Inoltre, per escludere la compromissione emodinamica, è stato utilizzato un modello di trapianto di cuore eterotopico in cui un cuore infartuato o con operazione simulata è stato trapiantato in un topo ricevente mentre il cuore nativo è stato lasciato in situ.

Dopo 6 settimane, il numero di tumori, il volume e la proliferazione sono stati quantificati.
Le proteine ​​secrete candidate sono state selezionate perché in precedenza erano state associate sia alla crescita del tumore ( del colon ) sia alla produzione miocardica in studi di proteomica post-infarto miocardico.

Sono stati analizzati i livelli di espressione genica miocardica di questi candidati selezionati, così come i loro effetti proliferativi sulle cellule HT-29 ( cancro del colon ).
Sono stati convalidati questi candidati misurandoli nel plasma di soggetti sani e pazienti con insufficienza cardiaca.
Infine, è stata verificata la relazione tra biomarcatori cardiaci specifici e infiammatori e cancro di nuova insorgenza in una vasta coorte prospettica di popolazione generale.

La presenza di cuori difettosi, sia nativi che eterotopici trapiantati, ha determinato un aumento significativo del carico tumorale intestinale di 2.4 volte nei topi APC Min (t utti P minore di 0.0001 ).

La gravità della disfunzione ventricolare sinistra e della cicatrice fibrotica è risultata fortemente correlata alla crescita tumorale ( P=0.002 e P=0.016, rispettivamente ).

Sono state identificate diverse proteine ( tra cui serpinA3 e A1, fibronectina, ceruloplasmina e paraossonasi 1 ) che erano elevate nei pazienti umani con insufficienza cardiaca cronica ( n=101 ) rispetto ai soggetti sani ( n=180; P minore di 0.001 ).

Dal punto di vista funzionale, serpinA3 ha provocato marcati effetti di proliferazione nelle cellule del cancro del colon umano ( HT-29 ), associate alla fosforilazione di Akt-S6.
Infine, elevati biomarcatori cardiaci e infiammatori in soggetti apparentemente sani ( n=8.319 ) sono stati predittivi di neoplasie di nuova insorgenza ( n=1.124 ) indipendentemente dai fattori di rischio per il cancro ( età, abitudine al fumo e indice di massa corporea [ BMI ] ).

In conclusione, la presenza di insuffienza cardiaca è risultata associata a una maggiore crescita del tumore, e questo dato è stato indipendente dal danno emodinamico e potrebbe essere causato da fattori cardiaci escreti.
Pertanto una diagnosi di insufficienza cardiaca può essere considerata un fattore di rischio per il cancro incidente. ( Xagena2018 )

Meijers WC et al, Circulation 2018; 138: 678-691

Cardio2018 Onco2018 Med2018



Indietro