Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Sicurezza ed efficacia di un singolo fattore di crescita insulino-simile intracoronarico a basse dosi dopo intervento coronarico percutaneo per infarto miocardico acuto: studio RESUS-AMI


La disfunzione ventricolare sinistra postinfartuale residua e significativa, nonostante un intervento coronarico percutaneo ( PCI ) tecnicamente riuscito per infarto miocardico con sopraslivellamento ST ( STEMI ), rimane un importante problema clinico.
Nei modelli preclinici, il fattore di crescita insulino-simile 1 ( IGF1 ) a basso dosaggio ha potenti effetti di rimodellamento cardiaco citoprotettivi e positivi.

Sono state studiate la sicurezza e l'efficacia dell'infusione endovenosa di IGF1 intracoronarico a basso dosaggio post-PCI nei pazienti con infarto STEMI.

Usando un modello di studio multidose in doppio cieco controllato con placebo, sono stati randomizzati 47 pazienti con infarto STEMI con frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) significativamente ridotta ( inferiore o uguale al 40% ) dopo procedura PCI di successo con infusione intracoronarica singola di placebo ( n=15 ), 1.5 ng di IGF1 ( n=16 ) o 15 ng di IGF1 ( n=16 ).
Tutti i pazienti hanno ricevuto una terapia medica ottimale.

Gli endpoint di sicurezza erano libertà da ipoglicemia, ipotensione o aritmie significative entro 1 ora dalla terapia.
L'endpoint primario di efficacia era la FEVS, mentre gli endpoint secondari erano volumi del ventricolo sinistro, massa, volume sistolico, e dimensione dell'infarto al follow-up a 2 mesi, tutti valutati mediante risonanza magnetica.

Non si sono verificate differenze significative negli endpoint di sicurezza tra i gruppi di trattamento fino a 30 giorni ( test X2, valore P=0.77 ).

Non c'erano differenze statisticamente significative nelle caratteristiche cliniche di base ( 24 ore dopo infarto STEMI ) o FEVS tra i gruppi.

La frazione di eiezione del ventricolo sinistro a 2 mesi, rispetto al basale, è aumentata in tutti i gruppi, senza differenze statisticamente significative correlate all'assegnazione del trattamento.

Tuttavia, rispetto al placebo o a 1.5 ng di IGF1, il trattamento con 15 ng di IGF1 è risultato associato a un significativo miglioramento nel volume telediastolico del ventricolo sinistro indicizzato ( P=0.018 ), nella massa ventricolare sinistra ( P=0.004 ) e nel volume sistolico ( P=0.016 ).

La captazione tardiva del Gadolinio a 2 mesi è stata inferiore nei pazienti trattati con 15 ng di IGF1 ( 34.5 g ) rispetto al placebo ( 49.1 g ) o 1.5 ng di IGF1 ( 47.4 g ), sebbene il risultato non fosse statisticamente significativo ( P=0.095 ).

In conclusione, in questo studio pilota, IGF1 a basse dosi, somministrato dopo riperfusione meccanica ottimale nell'infarto miocardico con sopraslivellamento ST è sicuro ma non migliora la frazione di eiezione del ventricolo sinistro.
Tuttavia, vi sono segnali di un beneficio dose-dipendente sul rimodellamento post-infarto miocardico che potrebbe giustificare ulteriori studi. ( Xagena2018 )

Caplice NM et al, Am Heart J 2018; 200: 110-117

Cardio2018 Farma2018


Indietro