Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Trapianto autologo di mioblasti nei pazienti con grave cardiomiopatia ischemica


Uno studio clinico di fase I ha valutato la fattibilità e la sicurezza del trapianto di mioblasti autologhi nei pazienti con grave cardiomiopatia ischemica.

Hanno preso parte allo studio compiuto presso l'Hopital Bichat di Parigi, 10 pazienti con grave disfunzione ventricolare sinistra ( frazione d'eiezione < / = 35% ), a cui sono stati iniettati, durante un intervento di bypass coronarico, mioblasti all'interno di cicatrici nell'area infartuale.

Il 63% ( 14 su 22 ) delle lesioni sottoposte a trapianto cellulare ha presentato un miglioramento dell'ispessimento sistolico.

Un paziente è morto precocemente, ma la sua morte non è risultata correlata al trapianto di mioblasti. Un altro paziente è morto, ma non per morte cardiaca, 17,5 mesi dopo il trapianto.

Quattro pazienti hanno presentato episodi tardivi di tachicardia ventricolare sostenuta, e sono stati sottoposti ad impianto di un defibrillatore.

Dopo un periodo di follow-up di 10,9 mesi, è stato osservato un miglioramento medio della classe NYHA da 2,7+/-0.2 prima a 1,6+/-0,1 dopo trapianto ( pLa frazione d'eiezione è aumentata da 24 +/-1% a 32+/-1% ( p
Questi dati preliminari hanno dimostrato la fattibilità del trapianto autologo di mioblasti nei pazienti con grave cardiomiopatia ischemica. ( Xagena2003 )

Menaschè P et al, J Am Coll Cardiol 2003; 41:1078-1083

Cardio2003


Indietro