Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Trapianto di progenitori cardiovascolari derivati ​​da cellule staminali embrionali umane per grave disfunzione ventricolare sinistra di natura ischemica


Oltre alla scalabilità, le cellule staminali embrionali umane ( hESC ) hanno il vantaggio unico di consentire la loro differenziazione diretta verso cellule di linee specifiche.
È stata testata la possibilità di sfruttare le proprietà delle hESC per generare cellule progenitrici cardiovascolari ed è stata valutata la loro sicurezza nei pazienti con grave disfunzione ventricolare sinistra di natura ischemica.

In tutto, 6 pazienti ( età media 66.5 anni, frazione di eiezione ventricolare sinistra [ FEVS ] mediana 26% ) hanno ricevuto una dose mediana di 8.2 milioni progenitori cardiovascolari derivati ​​da hESC incorporati in un cerotto di fibrina che è stato somministrato per via epicardica durante una procedura di bypass delle arterie coronariche.

L'endpoint primario era la sicurezza a 1 anno, concentrata su tumore cardiaco o off-target, valutato mediante imaging ( tomografia computerizzata e scansioni di tomografia a emissione di positroni con 18-FDG ), sulle aritmie, rilevate da esami seriali dei defibrillatori cardioverter impiantati [ ICD ] in tutti i pazienti, e sulla alloimmunizzazione, valutata dalla presenza di anticorpi specifici del donatore.

I pazienti sono stati seguiti per una mediana di 18 mesi.

Il protocollo ha generato una popolazione altamente purificata ( 97.5% ) di progenitori cardiovascolari.

Un paziente è morto precocemente dopo l'intervento per comorbilità non-correlate al trattamento.
Tutti gli altri pazienti hanno presentato un recupero senza eventi.

Nessun tumore è stato rilevato durante il follow-up e nessuno dei pazienti presentava aritmie.

Tre pazienti hanno sviluppato alloimmunizzazione clinicamente silente.

Tutti i pazienti sono sintomaticamente migliorati con un aumento del movimento sistolico dei segmenti trattati con le cellule.

Un paziente è morto per insufficienza cardiaca dopo 22 mesi.

In conclusione, lo studio ha dimostrato la fattibilità tecnica della produzione di progenitori cardiovascolari derivati ​​da hESC, e supporta la loro sicurezza a breve e medio termine, ponendo le basi per studi di efficacia adeguatamente potenziati. ( Xagena2018 )

Menasché P et al, J Am Coll Cardiol 2018; 71: 429-438

Cardio2018 Med2018



Indietro